Pubblicato il 31/05/2018
CRONACA

Raddusa, videopoker illegali in un bar: tredici macchine sequestrate. Denunciato titolare



L’uomo aveva creato un vero e proprio ritrovo per ludopatici, povere persone attanagliate dal vizio del gioco che nella maggior parte dei casi rovinano economicamente se stessi e i propri familiari con conseguenze a volte gravi.

I Carabinieri della Stazione di Raddusa hanno denunciato il titolare di un esercizio pubblico, un 48enne del posto già gravato da precedenti di polizia specifici, poiché ritenuto responsabile di esercizio del gioco d’azzardo nonché mancata esposizione della tabella dei giochi proibiti.

L’uomo aveva creato un vero e proprio ritrovo per ludopatici, povere persone attanagliate dal vizio del gioco che nella maggior parte dei casi rovinano economicamente se stessi e i propri familiari con conseguenze a volte gravi.

È quanto portato alla luce ieri pomeriggio dai carabinieri di Raddusa i quali, collaborati dai funzionari della Sezione di Catania dell’Ufficio Monopoli di Stato Sicilia, hanno avuto accesso in un bar di Piazza Vittorio Emanuele, luogo in cui sono state scoperte delle sale attrezzate per il gioco d’azzardo con ben 13 apparecchiature elettroniche attivate in assenza totale di autorizzazioni, mancanti del collegamento al Monopolio di Stato, non appartenenti alle tipologie di apparecchi idonei al gioco lecito ed in alcuni casi prevedendo come premio prodotti ricadenti nella tipologia dei tabacchi per i quali il titolare non era autorizzato alla vendita.

Tutti i giochi d’azzardo sono stati opportunamente disattivati e posti sotto sequestro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Commenta
Il tuo commento verrà pubblicato previa approvazione. Soltanto il nickname sarà visibile a tutti gli utenti.



martedi, 25 Giugno, 2019


Ricerca












" target="_blank"> (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});