Pubblicato il 04/04/2019
ATTUALITÀ / STOP VIOLENCE AGAINST THE WOMEN
Funerali Patrizia Formica (ph. Andrea Annaloro)

Caltagirone, nel 2 anniversario del femminicidio Formica firmato protocollo su Rete territoriale



La stipula dell’intesa in occasione del secondo anniversario delfemminicidio di Patrizia Formica da parte del compagno, Salvatore Pirronello, attualmente detenuto e sotto processo. La sorella della vittima, Franca, ha ricordato Patrizia, invocando per lei giustizia e sottolineando l’importanza di un’adeguata opera di sensibilizzazione e prevenzione che coinvolga innanzitutto le scuole.


Firmato al municipio, dall’Amministrazione comunale, dalle autorità giudiziarie, sanitarie e religiose, dai rappresentanti delle forze dell’ordine, delle scuole, dei sindacati e delle diverse realtà associative e del volontariato impegnate nel settore, il protocollo d’intesa per la costituzione della Rete territoriale contro la violenza di genere. Essa si propone la realizzazione di forme di collaborazione stabile fra i diversi soggetti sottoscrittori “in grado di affrontare, pur nella specificità delle funzioni di ciascuno, il fenomeno della brutalità e dei maltrattamenti contro le donne, i minori e tutti coloro che subiscono violenza di genere con obiettivi, procedure e strategie di intervento condivise”.


La stipula dell’intesa è avvenuta in occasione del secondo anniversario di un tragico episodio che ha profondamente segnato la comunità calatina: l’uccisione della 47enne Patrizia Formica da parte del compagno, Salvatore Pirronello, attualmente detenuto e sotto processo. Durante l’incontro sfociato nella sottoscrizione del documento da parte dei numerosi intervenuti, la sorella della vittima, Franca, ha ricordato Patrizia, invocando per lei giustizia e sottolineando l’importanza di un’adeguata opera di sensibilizzazione e prevenzione che coinvolga innanzitutto le scuole. Concordate le azioni da promuovere: la redazione e diffusione di un vademecum sui servizi offerti da istituzioni e associazioni a favore delle donne vittime di violenze; una ricognizione statistica del fenomeno a Caltagirone; l’organizzazione di corsi di formazione per gli operatori e nelle scuole; la promozione di un convegno pubblico; la stesura di una procedura condivisa per gli interventi  nei casi di violenza e l’istituzione di un numero telefonico unico a cui le donne possano rivolgersi.


“La creazione della Rete territoriale – sottolinea il sindaco Gino Ioppolo – rappresenta una precisa e determinata assunzione di responsabilità delle istituzioni e della società civile rispetto a un grave fenomeno, per mettere in campo strategie ed azioni efficaci e condivise”. “Con l’interesse e la partecipazione dimostrati - afferma l’assessore comunale al Welfare, Concetta Mancuso – la nostra città, nelle sue diverse articolazioni, sta dimostrando forte sensibilità e concreto impegno per evitare o comunque ridurre i casi di violenza e promuovere il sostegno alle vittime”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


Commenta
Il tuo commento verrà pubblicato previa approvazione. Soltanto il nickname sarà visibile a tutti gli utenti.

05/04/2019
Grazie..non bisogna mai mollare ed è giusto che si cominci ad educare i ragazzi al rispetto delle donne a cominciare dalle scuole, bella iniziativa" e.. che Dio ci aiuti..!
Conetta Giandinoto


martedi, 25 Giugno, 2019


Ricerca












" target="_blank"> (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});